ARTE E LETTERATURA FUTURISTA: UNA CONFERENZA A JESI

ARTE E LETTERATURA FUTURISTA: UNA CONFERENZA A JESI

 

L’Associazione Culturale Euterpe ha organizzato a Jesi (Ancona) per domenica 30 ottobre una conferenza sul futurismo nell’arte e nella letteratura. A parlare di questa incisiva e determinante fase d’avanguardia per la cultura italiana ed europea saranno alcuni critici e studiosi dell’arte e della letteratura che interverranno ciascuno apportando una riflessione su un determinato aspetto di quello che venne definito uno dei più innovativi ed effervescenti  movimenti culturali.

La conferenza avrà luogo nella Sala Maggiore del Palazzo dei Convegni di Jesi (corso Matteotti) a partire dalle 17.00 e sarà moderata dal giornalista e critico letterario Vincenzo Prediletto.

In apertura l’intervento del critico d’arte prof. Armando Ginesi sul futurismo nell’arte figurativa, con la proiezione di quadri del periodo e commento critico. Ginesi proporrà un percorso tra le maggiori opere che hanno contraddistinto il periodo futurista, tanto nell’arte che nella scultura, proponendo diapositive di opere di Giacomo Balla, Gino Severini,  Umberto Boccioni e Fortunato Depero.

A seguire interventi critici tesi a scandagliare il futurismo nella dimensione letteraria. Interverranno il critico letterario Lorenzo Spurio con un discorso dal titolo “Il tiepido grigiore e il fuoco incandescente” col quale Spurio presenterà l’enigmatica e talentuosa cifra letteraria di Aldo Palazzeschi, uno dei più eclettici rappresentanti del futurismo letterario essendo anche teorico e firmatario di vari manifesti.

Max Ponte proporrà invece un intervento dal titolo “Le gare poetiche futuriste: da Marinetti al poetry slam”, rintracciando nella popolare pratica poetica di derivazione anglosassone dello slam una curiosa filiazione alle chiassose e imprevedibili serate futuriste.

Lo storico e studioso locale Marco Palmonella dedicherà il suo intervento, dal titolo “Alberto Colini e la condanna della memoria”, alla trattazione della poco nota figura del nobile maiolatese Alberto Colini che fu in stretto contatto con l’ambiente futurista di Firenze e produsse una significativa attività letteraria ascrivibile al genere di riferimento.

 

I relatori

Armando Ginesi, di Jesi, è critico d’arte, esperto nelle avanguardie storiche del Novecento europeo. È professore emerito di Storia dell’Arte, già Ordinario presso l’Accademia di Belle Arti di Macerata. Abilitato anche nell’insegnamento di Estetica. Autore di più di 180 pubblicazioni scientifiche depositate nella Biblioteca Nazionale di Firenze e di oltre mille articoli e presentazioni in catalogo. Nel 2015 ha organizzato la tavola rotonda “Il futurismo tra Russia e Italia” tenutasi a Macerata.

Lorenzo Spurio, di Jesi, è poeta, scrittore e critico letterario. Numerosi le pubblicazioni critiche in articoli e volumi tra cui un saggio su Aldo Palazzeschi apparso nella collettanea “Stile Euterpe vol.2”, oltre a studi monografici sull’autore anglosassone Ian McEwan di cui è uno dei maggiori studiosi in Italia. Fondatore della rivista di letteratura online «Euterpe» che nel 2016 è entrata a far parte delle attività promosse dall’Associazione Culturale Euterpe di Jesi, di cui è Presidente.

Max Ponte, di Torino, si è laureato in Filosofia all’Università di Torino con una tesi in Estetica dedicata al futurismo “Artecrazia: arte e policia nel futurismo italiano. La querelle del Centenario”. Svolge attività di ricerca presso l’Università di Parigi-Nanterre con una tesi di dottorato sul fenomeno del poetry slam in Italia. Ha pubblicato un saggio sul futurismo “Potere Futurista” (ebook Street Lib, 2015). Un suo contributo è stato inserito nella prestigiosa pubblicazione “International Yearbook of Futurism studies” a cura di Günter Berghaus.

Marco Palmonella, di Maiolati Spontini (AN), è Socio Corrispondente della Deputazione di Storia Patria per le Marche. Si è sempre dedicato con passione alla Storia locale, pubblicando un consistente numero di articoli, ricerche e testi di storia locale, in particolare su Majolati e Gaspare Spontini. È Conservatore dell’Archivio, Biblioteca, Museo Gaspare Spontini di Majolati Spontini. Ha fondato il CDC, Centro Documentazione Colini di Majolati Spontini, dotandolo di importantissimi documenti salvandoli dall’oblio.

 

Il futurismo nell’arte e nella letteratura

Palazzo dei Convegni, Sala Maggiore

corso Matteotti 19, JESI

domenica 30 ottobre alle 17.30

 

Associazione Culturale “Euterpe”

con il patrocinio del Comune di Jesi

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *