ATTO UNICO (MONOLOGO DI UN PAGLIACCIO) – Escluso Mortimer

E dopo
ATTO UNICO
(MONOLOGO DI UN PAGLIACCIO) e CHELLA VOTA CHE LASCIATTE A VITA QUESTA SERA TORNO A MONOLOGARE
IN QUEL MIO VERNACOLO CHE VI RICORDO non è napoletano, nè casertano, nè dialetto mio paese, almeno non quello di oggi, forse molto antico nato da una lingua antica o forse inventato da me, vi lascio col forse :-)buonanotte a tutti

CHELLA VOTA CHE PARLATTE CU TOTO’
ATTO UNICO
MONOLOGO

Ue’ che bellu e ve vere’, nun ci pozzu crere, stite nata vota tutti quanti ca’, che bella sta cosa e i che me crerevu e ve scuccia’!
E no no pe chistu fattu mo vaggia premia’, e nata storia ve vogliu raccunta’!
Comme ricite? Che nun è u casu, ma no no no nun fate i timidi u sacciu che sulu cheste aspettate ve vecu a ca n’coppa, ve vecu cu e mani n’coppa agli occhi n’coppa e recchie e n’coppa a vocca ve stite a cuncentra’ murite ra voglia r’asculta’ e i ve vogliu propriu acuntenta’!
No nun ce bisognu che me stite a prega’ stiteme a senti ve vogliu raccunta’ e chella vota che ncuntratte a Totò e ci parlatte puru, si si Totò propriu issu stiteme bonu a senti’!
Però vaggia rice a verità ancora nun sacciu si u ncuntratte averamente o sulu mu sunnai, eh si pecche’ quannu uncuntrai eravammu muorti tutti e duie e vistu che mo songu vivu e ve stongu a parla’ forse mu sunnai, o forse simmu muorti tutti quanti e cuntinuammu a sugna’ e campa.’? Boh chestu averamente nun u sacciu ancora ma iammu annanzi!
Nsomma tuttu succerette quannu na vote murette, si pecche na vote murette ma chistu e natu fattu, allora ve stavu ricenne che murette e roppu u funerale a famiglia mia me seppellette!
Quannu po se facette notte, me vardatte nu pocu attuornu, e u veru eru muorto ma mada crerere tenevu na diu e paura la dintu, me girai a destra e po a sinistra e verevu che stavu miezu a doi tombe, cioè a tomba mia stava miezu a doie tombe, e fu tanta a surpresa e a cuntentezza quannu leggette u nome e Totò ncoppa una re tombe!
Tantu cuntentu che alluccatte tantu che me sa che ascitatte tutti i muorti ru campusantu, infatti sentette minumu nu milione e statte zittu almenu mo che stai ca’!
A ricere u veru me mettete nu pocu e paura e turnai a parla’ zittu e ricette principe Totò che onore sta ca nsieme a vuie, nun finitte mancu e parla’ che ra tomba affiancu partette na risata e na voce brutta ma brutta averamente e riceva chiami principe a chillu la che nun è nisciunu e a me che so marchese e nobile averamente mancu me saluti si nu gnorante e nu bifolcu iammu vattene a ca’ che già aggia suppurta a chillu là, me girai zittu zittu e ricette sottovoce principe Totò ma u sentite a chillu là, me ricordu che già na vota laite missu a postu cu a livella facitelu nata votu!
A chistu puntu Totò che sera statu sempe zittu parlatte e ricette vaglio’ ma nun u sai che quannu a gnuranza parla l’intelligenza tace, e u marchese parla assai ma a fattu re parla’ mancu tu stai a pazzia’!
U marchese ricette site nsulente comme a sempe i fosse gnurante pecche parlu? I se parlu tengu u dirittu ru fa’ i so nobile e vui chi site riciteme nu pocu?
Piacere Marche’ i so Pascale rispunnette i tuttu cuntentu e Totò a coppa a manu cu a risata soia ah tu si Pascale chillu che carette pe scale, e iu si principe Totò comme u facite a sape’, e issu figliu miu ci vuleva averamente pocu pe u capì!
Pe se rivulgette a chigliatu e gli ricette Marche’ ma propriu nun u riesci a capì o nun u vuo capì che simmu morti tutti quanti e che a morte e na livella e ca simmu tutti uguali ma na cosa ve laggia rice nun putite mmagina’ chellu che pagasse pe nun esse uguale a nisciunu e vui dui e cumincette a rire comme a nu mattu!
U marchese ricette finalmente le capitu zoticone che nun poi esse uguale a me, ed io purtoppu mancu a me, e Totò ricette si pecche vaggiu rittu na cosa e nun avite capitu quannu a gnuranza parla a ntelligenza tace e vui nfatti stite a parla’ i nvece nun ve pensu e me vacu a cucca’ stiteve bonu!
E po me truvatte rint u lettu miu e mascitette ma a chella vota aggiu capitu na cosa che quannu nun teni niente a rice nvece e rice fesserie è megliu starse zittu tantu ci sta sempe nu gnurante che parla che se crere chissa’ che e re risate ci fa scufena’!
Ue e che è stite tutti quanti zitti mo, e bravi bravi aite capitu allora comme se fa’ nvece re parla’ megliu fa i fatti che rimangunu chestu me mparatte Totò chella vota!

Si riserva ogni uso o utilizzo @copyright di Escluso Mortimer

CHELLA VOTA CHE PARLATTE CU TOTO’
ATTO UNICO
MONOLOGO

Hei che bello vedervi, non ci posso credere, siete un’altra volta tutti quanti qua’, che bella questa cosa e io che credevo di scocciarvi!
E no no per questo fatto ora vi devo premiare, e un’altra storia vi voglio raccontare!
Come dite? Che non è il caso, ma no no no non fate i timidi lo sò che solo questo aspettate vi vedo da qua sopra, vi vedo con le mani sopra agli occhi sulle orecchie e sulla bocca, vi state concentrando e morite dalla voglia di ascoltare ed io voglio proprio accontentarvi!
No non c’è bisogno che mi pregate’ statemi a sentire vi voglio raccontare di quella volta che incontrai Totò e ci parlai anche, si si Totò proprio lui statemi bene a sentire!
Però vi devo dire la verità ancora non so se lo incontrai veramente o olo me lo sognai, eh si perche’ quando lo incontrai eravamo morti tutti e due e visto che ora sono vivo e vi sto parlando forse me lo sognai, o forse siamo morti tutti quanti e continuiamo a sognare di vivere?
Boh questo veramente non lo so ancora ma andiamo avanti!
insomma tutto successe quando una volta morii, si perche una volta morii ma questo è un altro fatto, allora vi stavo dicendo che morii e dopo il funerale la famiglia mia mi seppellì!
Quando poi si fece notte, mi guardai un po’ attorno, è vero ero morto ma mi dovete credere avevo una grande paura là dentro, mi girai a destra e poi a sinistra e vedevo che stavo in mezzo a due tombe, cioè la tomba mia stava in mezzo a due tombe, e fu tanta la sorpresa e la contentezza quando lessi il nome di Totò su una delle tombe!
Tanto contento che urlai tanto che mi sa che svegliai tutti i morti del camposanto, infatti sentii minimo un milione di stai zitto ora che sei quà!
a dire il vero mi misi un po’ paura e tornai a parlare quasi zitto e dissi principe Totò che onore stare qua insieme a voi, non finii neanche di parlare che dalla tomba affianco partì una risata e una voce brutta ma brutta veramente diceva chiami principe a quello lì che non è nessuno e a me che sono marchese e nobile veramente neanche mi saluti sei un ignorante e un bifolco andiamo vattene di quà che già devo sopportare a quello là, mi girai zitto zitto e dissi sottovoce principe Totò ma lo sentite a quello là, mi ricordo che già una volta l’avete messo a posto con la livella fatelo un’altra volta!
A questo punto Totò che sera stato sempre zitto parlò e disse ragazzo ma non lo sai che quando l’ignoranza parla l’intelligenza tace, e il marchese parla assai ma sul fato di parlare anche tu non scherzi!
il marchese disse siete insolente come sempre op sarei ignorante perché parlo? Io se parlo ho il diritto di farlo io soni nobile e voi chi siete ditemiun pò?
Piacere Marchese io sono Pasquale risposi io tutto contento e Totò sulla man con una risata delle sue ah tu sei Pasquale quello che cadde per le scale, ed io si principe Totò come fate a saperlo, e lui figlio mio ci voleva davvero poco per capirlo!
poi si rivolse a quell’altro e gli disse Marchese ma proprio non riesci a capìrlo o non vuoi capirlo che siamo morti tutti quanti e che la morte è una a livella e qià siamo tutti uguali ma una cosa ve la devo dire non potete immaginare quello che pagherei per non essere uguale a nessuno di voi due e cominciò a ridere come un matto!
il marchese disse finalmente lo hai capito zoticone che non puoi essere uguale a me, ed io purtoppo neanche a me, e Totò disse si perche vi ho detto una cosa e non avete capito quando l’ignoranza parla l’intelligenza tace e voi infatti state parlando io invece non vi penso e me ne vado a dormire statemi bene!
E poi mi rtrovai nel mio letto e mi svegliai ma da quella volta ho capito una cosa che quando nn hai niente da dire invece di dire fesserie è meglio starsi zitti tanto ci sta sempre un ignurante che parla che se crede d’essere chissa’ chi e di risate ci fa morire!
hei vedo che state tutti zitti ora, e bravi bravi avete capito allora come so fa’ invece di parlare meglio fare i i fatti che rimangono questo mi insegnò Totò quella volta!

Si riserva ogni uso o utilizzo @copyright di Escluso Mortimer

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *