AUTUNNO – Cenzo Casavola

AUTUNNO


Vestita d’infiniti colori pastello,
al biancore dormiente dell’inverno
più non oso dire alcuna parola
a questi figli che immobili
attendono una carezza,
cosi sono io con il cuore vuoto
ad attendere un nuovo vestito.
La panchina nel sentiero di bosco
ed io nel sentiero della vita a cogliere
un respiro d’amore perso,
non posso sperdermi
tra lapilli sferzati dall’onde;
solo e nudo d’anima,
a mirare il pianto del cielo
che attende la nuda ninfa
dei miei sogni sfiorare la battigia
e coprirla di dolci lacrime d’amore.
Immobile io al passaggio
veloce delle grigie nubi,
che si pettinano nel lago
ed io , inerme a tanta tristezza;
cigno solitario nel lago delle mie lacrime ,
vado a cercare ciò che più non sono:
energia pura che vibra solo amore,,,
,,non restare : va via ,,lasciami tra i riflessi di un tempo,
mi rimane questa stasi d’attesa,
a rifiorire nuova vitale energia di vita;
basta,,,non ho più sensazioni,
ne parole, ne altro e forse volo,
con questo falco in cerca di nido.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *