Bedda matri signura – Rosaria Catania

Bedda matri signura

vossia sabbenerica

u saluto ra matina re fighi tuoi

lu rusario de mani non ti manca

na prighiera e nà spitticulata

ri prima matina misa rarriera a vitrata

viri è senti tutti quanti

nu gazzettino ri nutizie frischi frischi

Rumina e gira u pignatuni du luci

lu sugu che maccarruna

pi saziare a famighia

Tanticcia sudda ri na uriccia

accumincia re siei

a scupare a ciappetta foro

preia canta e scruta e vicini non si peddi nenti

tuttu saccio e tutto viro e siento

Madri, madri, ri tiempi assai luntani

mi ricuoddo ca li viria

co favalari niuro e lo fazzaletto da testa

la voccuzza aruci aruci

ti ravono na cosa arucise

se ci rauto nu vasuniedo da facci tutta lappusa

vivievono ri ricchizza e nenti soddi

pane ligna e farina

e nu sgabilliedo

pi stirarisa langhi quanno facievono a causetta.

Chista era vita misera

matirassu ri paghia un don papè pe bisuogni ra notte

tutti cuccati assiemi cu de pieri u cu terra

na matri assai aruci

canta conti e vota razii a Maronna

Pura e i fighia ca a rispiettuno

ciammannala ri Vui signura mamma

salutamu è bona matina

U scaluni ra potta a rirri

è na casa re regnina

co core cinu r’amore

Matri, matri, matri,

rammi u latte tuou

tienimi stittu e vasimi.

Matri r’intiempo cà non c’è cìui

Bedda matri signura

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *