E SCURRI LU CIUMI – Antonio Cattino

E SCURRI LU CIUMI.

poesia di Antonio Cattino in lingua poetica siciliana con traduzione in italiano.

Quannu vidu ‘u to visu
lu me ciatu si ferma
lu cori mi batti
e lestu firria
e si tu mi vardi
la russa mi pigghia
mi cadunu l’occhi
e sentu rintocchi
di tanti campani
‘ttaccati nte vini;

Ma jò non pozzu
o me cori,
chi taliariti sfilari
comu rigali e divina
visioni;

Scinnu da l’anciuli allura
‘n-terra sfatatu
e sulu …
ritornu ‘ntra mia
pinsusu
mentri lu mari
lu ciumi disia.

Antonio Cattino @ ogni diritto riservato secondo legge

E SCORRE IL FIUME.
Quando il tuo viso vedo
il mio respiro si ferma.
Il cuore mi pulsa
e gira veloce,
se tu mi guardi
divento rosso
e gli occhi
mi cascano,
sento rintocchi
di tante campane
legate alle mie vene;

Ma io non posso,
o mio cuore,
che osservati avanzare
quale regale e divina
visione;

Scendo dagli Angeli allora
in terra disilluso
e solo …
con me ritorno,
pensoso
mentre il fiume
desidera il mare.
Antonio Cattino

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *