Frutti densi – Sebastiano Impalà

Ho rivolto le mie mani
verso il cielo
per catturar le stelle
e deporle lievemente
sul cuscino del tuo sonno.
Sarò coperta calda che ti avvolge,
scudo di ferro che protegge
il cammino solitario della vita.
Da mille asperità sarai distolta,
creatura che t’innalzi in cima al mondo,
su monti avvelenati e mai propizi,
su campi abbandonati di esistenza.
E lì coltiverai le tue essenze,
ghirlande profumate e frutti densi
mangiandone con me tutta la polpa,
amore che mi nutri d’abbondanza.
( Sebastiano Impal@-inedita 2016- All rights reserved)
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *