Giustizia per Angelo in onore del povero cagnolino brutalmente ucciso da quattri mostri…- Enis Ben Slama Autore

14732148_145457795920812_1283478608909853078_n

 

Il tuo unico peccato era quello di esser buono,
un piccolo e dolce cagnolino,
un tenero angelo di nome e di fatto,
finito tra le mani di stronzi fatto branco,
di quattro mostri senz’animo né tatto,
frutto di una mente malata,
di un paese che nasconde la malfatta,
e protegge criminali,
dando vita ad una setta che di viver non merita,
meritevole di sparir senza alcuna pietà.
Piccolo Angelo,
tenero cucciolo distrutto dal male di un mostro chiamato uomo,
il tuo guaito lacera l’anima di noi che ti amiamo,
che nei nostri cuori d’ora in poi,
per tutta la vita ti portiamo,
che la tua vendetta cerchiamo.
Ora sei lassù,
a guardarci dall’alto,
in compagnia dei nostri splendidi cuccioli del passato,
che esso sia un cane oppure un gatto.
Piccolo Angelo,
amore senza peccato,
dal chiaro e morbido manto,
non pianger più,
noi siam con te,
a dedicarti questo tenero abbraccio,
a mandarti da quaggiù,
insieme ad una dolce carezza,
un lunghissimo e grande bacio.
Avremo la tua vendetta,
canteremo il tuo nome insieme al tuo ululato,
rimembrando la tua dolcezza sino al nostro ultimo canto,
fin quando le bestie,
saranno sepolte da noi che ti amiamo.
Piccolo Angelo,
Hai lasciato in noi solamente un gran rimpianto,
quello di non averti potuto aiutare,
quello di non averti potuto abbracciare,
quello di non averti da quel branco di mostri,
aiutato a scappare.
Sarai sempre con noi,
piccolo grande cane,
dolce angelo dalle splendide ali,
immenso amore del nostro cuore,
al quale dedichiamo questa poesia,
in ricordo del tuo bellissimo ed unico nome.

Di Enis Ben Slama

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *