Il terrorismo, la vera maschera della morte di Hafez Haidar

 

Scuola coranica

scuola coranica

Il terrorismo è la vera maschera della morte.

L’estate scorsa, a Beirut , un amico mi ha raccontato di una discussione tra suo zio, lo Sceicco Hassan, che è un ulami, cioè uno scienziato della legge coranica “Shari’a” e un sostenitore del terrorismo.

Hassan, dopo aver ultimato la preghiera del Venerdì, si è recato in una caffetteria per scambiare qualche parola con gli amici e fumare in santa pace il Narghilé. All’improvviso è spuntato dinanzi a lui Ahmad, un giovane robusto, che con fare furioso ed arrogante gli ha detto: ”Vecchio maestro che predichi l’Islam nella moschea, non fai altro che parlare e costruire castelli sulla sabbia. E’ giunto il momento di agire, di sterminare gli ebrei e i cristiani dell’Occidente che continuano a sfruttare le nostre ricchezze, estraggono il nostro petrolio e il nostro gas e poi ce li vendono a caro prezzo. Con il denaro e le armi aiutano i dittatori a sottomettere il nostro popolo. Tu cosa fai? Sorridi e non prendi posizione! Predichi un Islam moderato, aperto al dialogo. Con chi pretendi di dialogare?”

Io predico la pace. Il nostro Profeta ci ha insegnato a rispettare anche chi appartiene ad una fede diversa dalla nostra, ci ha insegnato a non uccidere nessuno, sia esso musulmano, cristiano o ebreo. Maometto disse: – La fede islamica consiste nel fatto che tu creda in Dio, nei suoi Angeli, nei suoi libri, nei suoi inviati, nel giorno del Giudizio, nella Resurrezione dopo la morte! -“.

“Sei vigliacco e codardo! Citi il nome del nostro Profeta invano per nascondere le tue paure. Bisogna eliminare al più presto ebrei e cristiani portatori del male. Mi hai insegnato che bisogna rispettare ed amare la donna, ma i miei fedeli amici mi hanno dimostrato che le donne sono inferiori e che valgono un quarto degli uomini.”

“Maometto affermò: – Il Paradiso è sotto i piedi delle madri -”.

Dopo aver sospirato tristemente, lo Sceicco ha aggiunto: “Il Profeta ci raccomandò: – Ama tua madre, tua madre, tua madre e poi tuo padre – Non dimenticare che egli venerava Maria, la madre di Gesù, come testimonia la sura di Mariam.”

“Parli così perché hai paura di entrare nel Califfato e non vuoi far parte dei giusti?“

I giusti non uccidono, né violentano le donne, né vendono le ragazze ad un prezzo vile. In Siria e in Iraq, se una giovane ha occhi azzurri, viene venduta dall’Isis per 30 dollari, ma se ha gli occhi castani, il suo prezzo vale 20 dollari o al massimo 22. Per amore di Allah, questo lo chiamate Islam?”

“Le donne sono inferiori, perciò è giusto che siano considerate un bottino da spartire tra i fratelli che lottano per una nobile causa”.

“E tu chiami fratelli quegli assassini mercenari? Il Profeta ci ha insegnato che chi sparge il sangue di un uomo innocente ha ucciso tutta l’umanità e ci ha incitato ad amare i suoi fratelli, figli di un unico Dio Creatore, Compassionevole e Misericordioso”.

“Vieni con noi, altrimenti un dì te ne pentirai. Uccidi con noi i Francesi e gli Inglesi che ci hanno colonizzato in Siria, in Giordania, in Egitto e nei Paesi del Maghreb, ci hanno trattato come cani e hanno abusato delle nostre donne”.

“Il passato delle nazioni è pieno di amarezze, sofferenze, lacrime e dolori. Dobbiamo guardare verso il futuro, dobbiamo apprendere dall’Occidente i frutti della cultura e della democrazia e gettare al vento ciò che riteniamo non adatto ai nostri usi e costumi”.

“Proprio la scienza degli Occidentali ha distrutto il nostro Paese e ti ha fatto perdere la testa!”.

“Ricorda le parole del Profeta: – Chiedi di apprendere la scienza anche se è in Cina, perché la scienza è il tuo abito e la tua forza. Gli eruditi sono i custodi delle creature per ordine di Allah. Se chiedi consiglio ad un erudito, la sua mente sarà tua. Gli eruditi sono i custodi delle creature per ordine di Allah -”.

“Dimmi, grande sapiente, chi è il vero musulmano?”.

Maometto disse: “Il musulmano è fratello dei suoi simili: non li opprime né li umilia. Il musulmano è colui che salva i musulmani dai colpi della sua lingua e della sua mano”.

“Bugiardo, unisciti a noi per restituire all’Islam la sua vecchia gloria. Ai tempi dei califfi Omayyadi (661-750) ed Abassidi (750-1258) dominavamo il mondo intero ed ora è giunto il momento di issare la bandiera di Allah ovunque”.

“L’Islam non è il frutto della violenza, del fondamentalismo o del razzismo, ma si basa sulla giustizia, sulla fratellanza universale, sull’uguaglianza tra fratelli e sul perdono. Ti rammento le parole del Profeta: – La pietà di Dio è riservata all’uomo che ha aiutato suo fratello – ”.

“Perdono, cultura, amore, tolleranza, che razza di parole stai pronunciando? Vieni a costruire con noi un vero califfato, grande e potente, temuto da tutti”.

“Io non riesco nemmeno a capirti. Voi che edificate l’Islam sugli scheletri degli innocenti, quando vi presenterete a Dio nel giorno del Giudizio Universale, cosa Gli direte? Abbiamo ammazzato o sgozzato davanti alle telecamere uomini e donne innocenti per guadagnare il Paradiso, per avere tante spose sdraiate sui materassi di pura seta e per vivere nei castelli sfarzosi dove scorre miele o latte?”.

“Con te non si può ragionare. Secondo te, chi è al Baghdadi?”.

“Il califfo dovrebbe incarnare l’ombra di Dio sulla terra, sotto la quale ogni oppresso potrebbe rifugiarsi. Il tuo grande capo, al contrario, incita i suoi seguaci ad uccidere, a farsi esplodere tra civili inermii. Questo è il vero volto del tuo benamato califfo?”.

“Maledetto, il califfo al Baghdadi non è un oppressore! Anche se cerchi di farmi cambiare idea, io seguirò le orme degli eroi!”.

“Chiami eroi gli uomini di al-Qaeda che hanno distrutto le Torri Gemelle l’11 settembre 2001 o coloro che hanno ammazzato a sangue freddo i giornalisti di Charlie Hebdo il 7 gennaio 2015, oppure i terroristi che hanno massacrato degli innocenti nel teatro Bataclan il 15 novembre 2015? E cosa mi dici riguardo alle bombe umane che si sono fatte esplodere a Bruxelles il 22 marzo 2016 e al camion bianco che ha causato la morte di tanti bambini e donne a Nizza il 14 luglio 2016? Al Qaeda e l’Isis con le loro stragi hanno ucciso anche numerosi musulmani. Nel crollo delle Torri Gemelle sono morti musulmani, cristiani ed ebrei, inoltre la prima vittima del maledetto camion bianco di Nizza è una musulmana. Definisci eroici questi atti malefici?”.
Il giovane esaltato ha scosso il capo e ha ribattuto: ”Bugiardo, non sei diverso dagli altri!”. Detto ciò, ha spinto lo sceicco facendolo cadere a terra, poi lo ha colpito con un calcio dicendo: “Vedi, nessuno ti aiuta perché sei un codardo!”.

Lo sceicco ha esclamato: “Addestrate i bambini per sgozzare i giornalisti, gli ingegneri, i medici dinanzi alle telecamere. Questo non è Islam!”.

“Noi puniamo anche i bambini disobbedienti ed infedeli”.

“Maometto ha insegnato: – Chi non ama i bambini non riceverà l’amore di Dio – Pentiti, pentiti!”.

Poco dopo, si sono uditi due colpi d’arma e il giovane è scappato lasciando il suo maestro in un bagno di sangue.

Il terrorismo è il morbo dell’umanità, è l’arma letale di coloro che seminano l’odio, la violenza, l’atrocità, l’orrore nei cuori dei deboli, degli inermi.

I terroristi sono uomini spinti dal fondamentalismo sfrenato e irragionevole, dal razzismo e dall’ignoranza ad uccidere, a distruggere, a seminare ovunque panico e orrore. Accecati dall’odio e dalla vendetta, cancellano i sogni dei bambini e delle loro madri e deturpano le bellezze create da Dio e dagli uomini. Il dolore e il pianto degli innocenti costituiscono per loro occasione di festa, motivo di vanto e di gloria.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *