Intervista a Emir Sokolović poeta bosniaco per eccelenza.

Intervista a Emir Sokolović poeta bosniaco per eccelenza.

PREMI VANNO ALLE OPERE E I LETTORI

Con lo scrittore Emir Sokolovic abbiamo parlato dei premi, il libro “Viste” (Ogledi), del club “Tavolozza blu”(Plava Paleta) e Festival” Pero Živodraga Živković ”

Ha intervistato Mirza Dajić

Ottenere dieci premi in un ‘anno non è poco per uno scrittore. Anche quando si tratta di premi da paesi come l’Italia e per gli scrittori sul versante …

Sono riuscito a raggiungere le straordinari dieci premi in Italia lo scorso anno per il mio lavoro. Esiste la la giustificazione perchè solo dieci premi (ride). Il festival letterario internazionale “Pero Živodraga Živkovic” mi ha richiesto tre mesi intensi. Il bilancio è stato pari a zero, ma i nomi che sono apparsi erano molto rappresentativi, del prof.. Paolo Maria Rocco al uno dei migliori giovane violinista Dusan Panajotović, direttore del festival internazionale di poesia contemporanea “Murakon” Zlatko Kraljic, per non parlare di Maurizio Matuzzo da Udine … La mancanza di denaro necessitava compensare con la energia e il lavoro, e questo si è normalmente riflesso nel monitoraggio degli annunci .

Si può concludere che 2016 è stato un grande successo per lei. Lei è d’accordo?

Se guardiamo il concetto di soddisfazione, oltre a tutto il tempo libero che stavo ancora lavorando nelle opere, credo che il 2017 mostrerà la sua fecondità, e questa è la mia soddisfazione, il mio piacere. Ho detto due inverni fa a proposito del riconoscimento e il premio speciale a Sarajevo del mio lavoro creativo, con tutta la mia gratitudine che questo riconoscimento va alle mie opere e agli miei lettori come la conferma volgere la propia azione , nel mio lavoro non hanno fatto un errore. Personalmente, non voglio dire nulla. No ho la vanità, ho energia per il lavoro, la mia ricompensa è solo la soddisfazione interiore nell’atto creativo quando esco, quando mi rendo conto che tutti gli elementi artistici all’interno del lavoro che ho creato , per me, in quel momento, ai massimi livelli creativi.

Elencate i riconoscimenti arrivati da l’Italia …

Questi sono il riconoscimento dell’Accademia Internazionale d’Arte Moderna – Roma, Accademia d’Arte Cultura e Tradizione Romanesca “Giuseppe Gioachino Belli” – Roma, Accademia dei Bronzi – Catanzaro, Premio Letterario di Poesia e narrativa Internazionale Amtamura – Altamura, Premio Letterario Città Di Davoli – Davoli, Premio Letterario Città di Sarzana – Sarzana, Premio Poesia Marega – Bevilacqua, Accademia Internazionale di Poesia significazione e Arte Contemporanea – Roma e Associazione Culturale e teratrale Luce dell’Arte – Roma.

Restare se steso…

Tra tutti questi premi ricevuti, due sono speciali. Una tripletta da Sarzana, da dove arriva il mio terzo premio consecutivo e si dirige con atto molto preciso, e che è la poesia scritta come un libretto d’opera per una nostra cantante d’opera. Il secondo premio è una targa che ho ricevuto presso l’Accademia Internazionale d’Arte Moderna artistica a Roma. Avere riconoscimento nella l più pesante delle otto categorie in gara tra i 160 autori che sono stati menzionati nella categoria ero l’unico non-italiano,e questo è un enorme riconoscimento del lavoro svolto.

Avete ricevuto premi in ogni festival e competizioni in cui ha partecipato lo scorso anno in Italia?

No. E ‘stata una festa Premio Letterario di Como a cui ho applicato e dove volevo il premio, desiderio visto dalla qualche altra dimensione – perché ho belle persone lì che mi piacerebbe vedere. E ‘l’unica competizione in cui mi ha riferito che non ho, almeno una targa.Ma segnare dieci su undici non è male.

Tavolozza blu(Paleta), che è il vostro progetto, ha molto giustificato la sua esistenza. Negli ultimi anni avete accolto molti famosi e riconosciuti artisti, o coloro che desiderano con il loro lavoro raggiungere le persone, alle quali èstata data la possibilità di presentare a un pubblico selezionato. Il vostro commento.

Interno della Paleta è , ammettere o no, il posto dove è possibile vedere la qualità di colleghi che hanno risposto nel momento dell’elaborazione dei programmi in questione, ed è diventata un marchio. A volte, nei momenti di debolezza e l’egoismo con il desiderio di dedicarmi al mio lavoro ho lasciato il progetto, ma non ho la libertà di contemplare medesimo a causa del pubblico, che è l’essenza di Paleta, raccolto intorno a questa idea, produce il modo la Paleta è. Posso affermare che è un club che ha un pubblico raffinato, che sa cosa è arte e l’arte e che ha fortemente costretto a continuare. Alla fine, è stato confermato dalla Secondo Internazionale Festival Letterario “Pero Živodraga Živkovic” per il quale il professor Paolo Maria Rocco ha scritto all’ambasciata italiana che questo è uno dei festival di poesia di maggior successo dello scorso anno.

Con molto piacere durante il secondo festival sono già iniziati i preparativi per il terzo … In questo modo il lavoro Živodraga Živkovic con questo vive …

Sicuramente il festival ha raggiunto un apice in cui obbliga praticamente team che lavora sul tutto. Alcuni di noi sono stati in grado di compensare tutto questo. Lei sa che con i tempi che corrono, chiunque può appellarsi per qualsiasi cosa, se è vero, significa in sostanza, non è coinvolto in questa idea, chiedendo soldi che noi non abiamo. Infine, al fine di mantenere il valore del Festival e della sua dignità, siamo determinati a tentativi di venire con i soldi, perché se si determina a soldi, allora perderemo l’essenza della festa, che deve essere intoccabile.
La libertà come un privilegio
Ci sono essenzialmente due modi: uno di questi è denaro come obiettivo, e l’altro è dove il denaro risulta conseguenza. Se l’obiettivo è il denaro, un modo più semplice, il percorso è più facile e rapido fino alla fine. La fine è più vicino. Perché, quando ottenete il denaro si perde qualsiasi necessità di qualsiasi cosa e da quel momento si qualcosa che per voi era sacro diventa un fardello, diventa un peso. Se si trova solo piacere nel lavoro, stavamo parlando, e il denaro viene come conseguenza, non vi cambierà, voi continuate con lo stesso lavoro creativo, e sarà il risultato di questo sarà a parte. . Diamo un’occhiata alle persone che sono le più ricche al mondo. Stanno ancora lavorando. Il privilegio più alto che l’uomo può avere è la libertà che implica a priori la libertà di fare ciò che gli piace.

Siete in antologie di letteratura polacca, italiana e macedone. I suoi lavori sono stati tradotti in italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, polacco,macedone , ma non in BiH. Anthology. Nella città polacca di Cracovia ha messo in scena uno spettacolo teatrale effettuato da vostro testo … Quanto rappresenta tutto questo per le autorità del nostro paese?

Il mio lavoro ha la sua posizione, di cui parlavamo. E questo paese ha la sua posizione su quello che deve parlare, e questo è in fondo della scala. Soltanto in cima della lista quando si tratta di corruzione . Queste immagini sono abbastanza chiare e incomparabili. Posso solo dire che ho avuto la sfortuna di nascere qui e non mi pesa . Come cosmopolita non ammetto alcun confine di carta, perché non significano nulla. La mia patria è ovunque ci fosse il mio lavoro per il lettore, ma anche, il mio lavoro non ha bisogno dello Stato per farlo funzionare, ma il paese ha bisogno del mio lavoro per essere lo stato.

Quali sono i piani per quest’anno?

Per quanto riguarda i piani per quest’anno, la priorità principale è il terzo Festival letterario internazionale “Pero Živodraga Živkovic”. Con la fortuna, quest’anno appariranno due nuovi titoli. Si tratta di una raccolta di poesie in cartolina bilingue, tradotto in italiano, la cui traduzione è fatta dalla poetessa e traduttrice Natasa Butinar da Adria in Italia. La collezione è composta da due parti che corrispondono alla musica classica. I sopra indicati “Venti”, a cui viene riconosciuto il premio a Sarzana e canti che ho scritto ispirati dalle composizioni per pianoforte di Frantz Listz per un progetto congiunto, che è stato realizzato dal miglior BH. pianista Arsen Čarkić e portato alla piena sala del Bankim palazzo, dove in realtà doveva essere. Altro titolo dovrebbe probabilmente essere “Parigi …” in polacco. Al fine di promuovere il Festival con i colleghi, ho intenzione di fare un tour promozionale con l’opera partendo in primavera.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *