Nei miei occhi Sovana – Cardarelli Stefano

Nei miei occhi Sovana

La bruma autunnale
cela il profilo di Sovana
un timido sole splende cauto
sui tetti lucidi delle case medioevali
Sovana è arroccata sul tufo vetusto
casa e dimora eterna dei cari Etruschi
l’ultimo raggio libera le strade dalla foschia
l’ombra del Pretorio…
si staglia sulla piazza deserta di anime
Sovana mi ricorda un capitano di ventura
prigioniero del suo coraggio
e Ultimo cantore di un sogno
il silenzio viene violato
da un uscio che si apre al viandante stanco
piano … piano la cartolina ingiallita prende colore
visi consumati dal tempo e dal mestiere
pigiano acini di parole arcaiche
accompagnate da cenni di poesia di vita
occhi fugaci … cercano il tempo perduto
d’intorno vie cave finiscono il filo nella madre terra
il viandante aspetta il tramonto
per cercare la stella guida
il giorno finisce il suo pellegrinare
in terra d’Etruria
la bruma autunnale …
si riprende l’immagine della cittadella
stelle tremolanti si perdono
nello scudo opaco della luna
il sogno finisce … con Sovana nei miei occhi.
Cardarelli Stefano

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *