PALAZZO FAZZARI – Caterina Tagliani

 

Caterina Tagliani

Caterina Tagliani

 

PALAZZO FAZZARI

Sali adagio quei gradini antichi
un po’ consunti, in tanti son passati
avvolti nei mantelli, stivali blasonati,
amanti si son dati appuntamento

qualcuno, dicon, per amor s’è pure ucciso
altri han lapidato averi al gioco,
fregi ornavano muri ed i soffitti,
or son scomparsi, l’acqua li ha distrutti

e alle finestre, pendono solo stanche tende verdi.
Oggi però ogni luce è accesa!
T’accoglie il sorriso dell’amica
le stanze son piene, risplendono, ed è chiaro
sono i suoi quadri alle pareti appesi

che danno vita a questo luogo antico.
E guardi ammirata, lodi la sua arte
sempre In cammino che stringe Fra le dita
perché è una Danza nel vento che s’innalza

si slancia, un Giardino incantato ove t’inoltri
e par che Sogni, mentre senza Malizia,
guardi queste tele: Armonie di luce e di Passione
che t’avvolge e Con lei cammino, trascinata dal suo Vento caldo.
Sellia Marina, 26 Gennaio 2015

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *