Poesie sulla mamma di Luigi Orabona

La mamma

Sei piccolo,
impotente e indifeso;
ma lei ti nutre,
ti pulisce e ti veste
e veglia di notte
perché sempre sereno
sia il tuo sonno.

Sei ragazzo,
esigente e capriccioso;
ma lei fa di tutto
perché venga appagato
ogni tuo desiderio,
senza badare
a spese e a sacrifici.

Sei giovane,
incerto e orgoglioso;
ma lei molto insiste
perché tu le ti apra
e anche le permetta
di risolvere uno per uno
tutti i tuoi problemi.

Sei adulto,
libero e scontroso;
ma lei non si arrende
e di continuo si adopera
perché nella tua vita
mai vengano a mancare
la prosperità e la pace.

Sei padre,
serio e pensieroso;
ma lei ancora non smette
di darti una mano:
così con grande amore
anche si prende cura
dei tuoi adorabili figli.

A mia madre

Ricordo, madre mia,
che quand’ero bambino
sulle tue ginocchia
mi facevi giocare;
mentre ogni sera
m’infondevi il sonno
con la tua bella
e dolce ninna nanna.

Molte notti allora
bianche ti rendevo
e d’ingenti sacrifici
ti sovraccaricavo;
ma tu li accettavi
con santa pazienza
e me li ricambiavi
con baci e carezze.

Poi con grande premura
seguitasti a starmi dietro,
stando attenta
che nulla mi mancasse;
l’ansia e l’angoscia
ti si leggevano in volto,
quando mi scorgevi
triste e preoccupato.

Infine per il mio bene
ti sei tutta consumata,
dopo aver sofferto
tanti stenti e dolori;
ma finché la tua mente
lucida è rimasta,
hai continuato a vigilare
sul mio avvenire.

Adesso la tua morte
piango senza fine,
in questo mio cuore
afflitto e infranto;
senz’altro la metà
della restante mia vita,
se con te potessi viverla,
con gioia ti darei!

Il vero amore

Se ancora non sai
qual è il vero amore,
t’invito a meditare
dentro il tuo intimo,
facendo in pari tempo
volare il tuo pensiero
alla persona più cara,
cioè a tua madre.

Il profondo sentimento,
che a te la unisce,
quello è il vero amore;
l’affetto caloroso,
che da lei ti proviene,
quello è il vero amore;
la sua dolce carezza,
che placa la tua collera,
quella è il vero amore;
la sua cura premurosa,
interamente a te rivolta,
quella è il vero amore;
il suo grande sacrificio,
che ti consente ogni gioia,
quello è il vero amore;
la sua rinuncia alla vita,
per salvaguardare la tua,
quella è il vero amore.

Ora che finalmente
conosci il vero amore,
ti esorto a considerarlo
con tutte le tue forze
il tuo bene più prezioso;
ma soprattutto t’invito
a serbartelo nel cuore,
gelosamente e con cura,
per l’intera tua esistenza.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *