Rappresentazione mentale – Raymonde Simone Ferrier‎

Rappresentazione mentale


Se non con occhi musicali
ormai non ti pronunci
a levigare le lievi differenze,
ad esaltare le belle completezze
delle nostre mentis sembianze.
Parole superflue graffierebbero armonie,
sbilancerebbero esistenti silenziosi equilibri.
Le nostre corporee superficie
non possono del tutto coincidere,
se distanti, sono ora appuntite ora ondeggianti.
Se in contatto, mai quiete sovrapporsi.
In dimensioni sia oniriche che reali
si intuiscono però così compatibili,
così soavemente confluenti e confondibili
le nostre essenze vitali.
La nostra perfetta struttura irregolare
ora tondeggiante ora angolare
è simmetrico capolavoro naturale
tessuto di complesse alchimie;
di caratteristiche sia tue che mie
ad alleggiare in sfere astrali.
A lasciarsi cullare dall’umore del mare
in stupore di ferma conchiglia a spirali.
Noi-due insieme
uniti o separati,
non siamo semplici opinioni,
siamo scienza di comuni voci
soggette alle maree del divenire.
Ma un’unica resistenza al sale. Siamo qualità al quadrato, impalpabile,
siamo geometria eletta, intersezione di insiemi,
di paradisi terrestri e abissi marittimi,
perenni, misteriosi, inspiegabili.
Siamo artistica matematica corporale,
ineluttabile connessione cerebrale.
Del cuore spina dorsale.
Divina scala ascensionale.
Siamo un tutto frattale.
R.S.F.
23.10.2016

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *