Ritornar a casa – Rosaria Catania

 Rosaria Catania

Rosaria Catania

Ritornar a casa
Un soffitto affrescato
con dipinti dell’ottocento
in una grande stanza da bagno con rubinetti d’oro
tutto era di porcellana fine
di un elegante bianco avorio
la spiaggia lontano Ritornar a casa
l’autunno faceva capolino alle finestre
con la nebbia appannava la vista
su una libreria colma di libri
un valzer sul grammofono
espandeva nel silenzio un dolce suono
ed un volto osservava
quei bimbi inquieti seduti ordinati
un naso aquilino
sorvegliava ed osservava ogni movimento
la baby sitter in giacca nera guardava attenta
una lezione d’inglese
ed un cenno di inchino e poi merenda
e la pulizia dei denti
con quel dentifricio piccante alla menta
strofina strofinate forte
poi tutti a dormire
in quella cameretta col baldacchino
con le lenzuola di lino bianche spiegazzate
si saliva con garbo per le grandi scale col tappeto rosso
e tu…
aspettavi ogni giorno che qualcuno
veniva col treno per fuggire via
e ritornar nella tua umile casa
@ Rosaria Catania(registrata)
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *