RITRATTI DI DONNE – Salvatore Monetti

RITRATTI DI DONNE

Ritratti di donne, volti, storie, che guardano fiduciose verso il domani con tutte le sue passioni, le sue paure. Maltrattate e derise ma sempre convinte di far sentire in modo forte e chiaro la propria parola che nasce dall’intelligenza dei loro silenzi. Lei, svela se stessa come immagine dell’essere divinamente compiuto, perché più dell’uomo sa essere amata e amare. Intorno a lei c’è solo luce che si irradia nei lineamenti dell’uomo e diventa così guida “dolce e cara”.
Ritratti di donne, scalze, coi tacchi alti o le scarpe di ginnastica, in jeans o in abiti eleganti capaci di far intravedere le cose invisibili riflesse in quelle visibili.
Ritratti di donne, belle nel loro essere Grazia divina, capaci di rendere giustizia all’amore, perché l’amore è dono e la donna sa come ricevere questo dono e di come esserlo per gli altri. Adamo era immerso nel sonno quando Dio mise le davanti Eva e così viene condotto fuori dalla solitudine ed entrando in sintonia con Eva comincia a pensare ad amare veramente; per l’uomo la solitudine è finita e lo conduce fuori dalla miseria che consiste nel saper dove andare. L’uomo non è più trattenuto è diventa così poesia, nella quale esprime la verità e il bene dell’essere e della donna che ne è l’immagine. Il femminile e la poesia conducono l’uomo alla salvezza. All’uomo, il compito di saper raccogliere quello che non vuol essere competizione, ma rispetto e partecipazione, di essere all’altezza di condurre una vita insieme possibile solo nel rispetto reciproco, necessario oggi come in un futuro, per dar voce al pensiero:
«O donna in cui la mia speranza vige,
e che soffristi per la mia salute
in inferno lasciar le tue vestigie».
(Paradiso Canto I – XXXIII)

“RITRATTI DI DONNE” UNA NUOVA COLLANA DEDICATA ALLE DONNE CHE ATTRAVERSANO IL TEMPO, STUDIANO, MATURANO, PARTECIPANO A QUELLA PASSERELLA DELLA VITA SENZA INDIETREGGIARE, RICCHE DI CORAGGIO E SENSIBILITÀ, DA SEMPRE E PER SEMPRE!

Salvatore Monetti

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *