Si putesseme scegliere…Giovanna Balsamo

Si putesseme scegliere…

Si putesseme scegliere addò murì e quanno,
si ‘a vita nosta se putesse studà’ a ccumanno,
ognuno ‘e nuje s’appriparasse ‘na valigia
e se vasasse cu ‘e pariente e cu ll’amice.
‘Nun ce ne ghiesseme sule e ‘mpreparate,

senza saluta’ e facenne ‘e scustummate.
Putesseme lassa’ ‘ncopp’ô cummò ‘na nota,
ca conta ‘nu fatto bello, d”e tiempe ‘e ‘na vota.
Ce putesseme leva’ ‘nu poco tutt’ê sfizie,
facenne tanta scemenze ca pe ll’ate sò capricce.

Facesseme ‘e spese ca nunn’avimme fatto maje,
senza abbada’ ‘o prezzo, nè pensa’ ca costa assaje.
Si se putesse scegliere ‘a matina chiù d’a sera,
ce sursiggiasseme ‘nu bellu cafè senza penziere.
C’assapurasseme ‘npace ll’urdema sigaretta,

senza correre: chiano, tranquille e senza fretta.
Cuntrullasseme si avimme studato sott’ô ffuoco
e ce ‘ncammenasseme for’â porta, poco a ppoco.
C’â mana aperta facesseme ‘na carezza
a chi ce vò bbene, a chi pare ca c’apprezza.

Pò tutte pronte, chi c’a giacca, chi c’o scialletiello
e pe ‘nun piglia’ friddo ‘a sciarpa o ‘nu cappiello,
c’avviasseme pe ‘na via, ca ‘nun se sape si sponta,
addò forse ‘nun ce stanne nè albe e nè tramonte.
Pusasseme ‘nterra tutt’e cariche pesante,

c’alleggeresseme d’e pise, d’e cose chiù ‘ngumbrante
Ce ne ghiesseme tranquille, accussì senza rancore,
senza chiagnere, nè rirere, nè sentere dulore.
Si j’ putesse scegliere, v”o giuro mme piacesse.
Però nunn”o pozzo fà, ma fosse bello si putesse.
Giovanna Balsamo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *