TRASPARENTE E SALATO – Adriana Scanferla

TRASPARENTE E SALATO
(di Adriana Scanferla)

Fluttua libero da gravità il corpo
che l’onda leggera accarezza
trasporta all’amplesso sublime
e lenta avviluppa.

Rigenerata ne esco, mi scivola addosso
un rivolo d’acqua che goccia alla rena.
Un indiscreto obiettivo incornicia
bianchi yachts ancorati all’orizzonte.

Ma io non invidio i ricchi accuditi
da compito maggiordomo
che imbandisce alla tolda,
altri nel mondo maledicono,
fra di loro anch’io bambina.

All’imbrunire seduti alla riva
da barche lontane barlumi di allegria,
la luna ruffiana scaturisce lusinghe
promesse di un tempo aggraziato amante.

Quale musico accarezza il violino
che langue e si estende nella notte?
Riposa la Sirena al bianco scoglio
mentre indugia al lampione la Falena.

Gommoni senza rotta né destino
profughi in fuga dalla vita e dagli affetti,
piangi Africa per i tuoi miseri figli
che almeno i più forti facciano ritorno.

Freddo cupo immerso nei fondali
l’altro mare sorveglia e protegge
sembra all’occhio distratto senza vita
ma della vita è nutrice perenne.

Immagine : FLUTTUANTE – dipinto digitale di Adriana Scanferla

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *