Interviste e inchieste varie

HISTORIA – HISTORY – HISTOIRE – J ANTONIO RIVAS M ©

HISTORIA – HISTORY – HISTOIRE
«La historia es la relación de hechos que se consideran verdaderos. La leyenda y fábula, en cambio, es la relación de hechos que se tienen por falsos.»
Voltaire: Dictionnaire philosophique, 1769.
“Si los gatos pudieran escribir la historia, su historia sería sobre todo acerca de los gatos.”
Eugen Weber.
“La historia la escriben los vencedores.” Winston Churchill.
“El siglo XX —aunque en general se destacó por sus mejoras sociales y una mayor consideración con los pobres por parte de los gobiernos— ha estado dominado por la ametralladora, el tanque, el bombardero, la bomba nuclear y, por último, el misil. Se ha caracterizado por las guerras más sangrientas y destructivas de toda la historia”.[…] “Es, por tanto, muy discutible calificarlo en realidad de progresivo”.
Hugh Thomas
“Quien olvida su historia está condenado a repetirla”.
Jorge A Ruiz de Santayana y Borrás.
“Tal vez la causa de nuestro pesimismo contemporáneo es nuestra tendencia a ver la historia como una corriente turbulenta de conflictos – entre los individuos, en la vida económica, entre los grupos, en la política, entre credos en la religión, entre los estados en guerra… Este es el lado más dramático de la historia; que capta el ojo del historiador y el interés del lector. Will Durant. 2006. Fundación Will Durant.

Existen muchas historias, como existen muchas leyendas. Generalmente van con los gustos del Escritor-Historiador, los gustos del lector o el interés de poder particular o complacer al colectivo. Este caso de Carrera D. es ilustrativo.

Uno de los más simpáticos casos puede ser la historia de la humanidad que aprendí en la escuela y creo sigue hoy en dia en la imprenta. Nos dice que la civilización comenzó en Grecia, Roma y culmino en Europa. Lo Anterior, Edad de piedra, edad de bronce y edad de hierro es monte y culebra, Así ha continuado por lo común.

O sea que unas diez y ocho civilizaciones anteriores, descrita por el britanico Arnold Toynbee y anunciadas por el aleman Oswald Spengler no existieron. No obstante, desde Spengler aparece la obra de Toynbee, W Durant, etc., pero cuidate de la sugetividad personal de cada historiador y ve a las citas.

Así se sigue reproduciendo hoy, los documentales, audio-visuales y no se en otros continentes. Incluso en Universidades, sino es que la han cambiado por otra leyenda del poder de turno… Curiosidades de la historia

La historia es a las sociedades y poblaciones, como nuestra biografía a nuestro Ethos. Puede formar significados mue importantes,.desde motivar a la sociedad y hasta despreciar sus valores. No es nada despreciable. Cuidate que vos tambien tienes tu historia.
ANTONIO J RIVAS M ©-USA. 15-08-2016.

HISTORY
“History is the statement of facts that are considered true. The legend and fable, however, is the statement of facts that have by false. ”
Voltaire: Dictionnaire philosophique, 1769.
“If cats could write the story, his story would be mostly about cats.”
Eugen Weber.
“History is written by the victors.” Winston Churchill.
“The twentieth century-although generally noted for their social improvements and greater consideration for the poor by governments, it has been dominated by the machine gun, tank, bomber, nuclear bomb and, finally, the missile . It has been characterized by the most bloody and destructive wars in all history. “[…]” It is therefore highly questionable qualify it actually progressive. ”
Hugh Thomas
“Whoever forgets its history is doomed to repeat it”.
Jorge Ruiz de Santayana y Borras.
“Perhaps the cause of our contemporary pessimism is our tendency to see history as a turbulent stream of conflicts – between individuals, in economic life, between groups, politics, interfaith religion, among states in war … This is the most dramatic side of history; that captures the eye of the historian and the reader’s interest. Will Durant. 2006. Will Durant Foundation.

There are many stories as there are many legends. Usually go with the likes of writer-historian, reader tastes or interests of particular power or please the group. This case is illustrative D. Carrera.

One of the most sympathetic cases may be the history I learned at school and I think still today in the press. It tells us that civilization began in Greece, Rome and culminated in Europe. The Top. Stone Age, Bronze Age and Iron Age is grass and snake, so usually continued.

Or is that a ten eight previous civilizations, described by british Arnold Toynbee announced by the German Oswald Spengler did not exist. However, since the work of Spenglerm, Toynbee, W Durant, etc. appears, but beware of the staff sugetividad of every historian and go to appointments.

And continues to play today, documentaries, audio-visual and not on other continents. Even in universities, but they are that have changed by another legend of those in power … Curiosities of history…

The story is societies and populations, as our biography to our Ethos. It may be important big meanings .from motivate society and even despise their values. It is not negligible. Take care that you also have your story.
J ANTONIO RIVAS M © -USA. 15/08/2016.
HISTOIRE
«L’histoire est l’exposé des faits qui sont considérés comme vrai. La légende et la fable, cependant, est l’exposé des faits qui ont par de faux “.
Voltaire: Dictionnaire philosophique, 1769.
“Si les chats pourraient écrire l’histoire, son histoire serait la plupart du temps sur les chats.”
Eugen Weber.
“L’histoire est écrite par les vainqueurs.” Winston Churchill.
“Le XXe siècle bien que généralement noté pour leurs améliorations sociales et une plus grande considération pour les pauvres par les gouvernements, mais il a été dominé par la mitrailleuse, réservoir, bombardier, bombe nucléaire et, enfin, le missile . Il a été caractérisé par les guerres les plus sanglantes et destructrices dans toute l’histoire. “[…]” Il est donc très discutable qualifier réellement progressive “.
Hugh Thomas
«Celui qui oublie son histoire est condamné à le répéter».
Jorge Ruiz de Santayana et Borras.
«Peut-être la cause de notre pessimisme contemporain est notre tendance à voir l’histoire comme un flux turbulent des conflits – entre les individus, dans la vie économique, entre les groupes, la politique, la religion interreligieuse, entre les Etats dans guerre … Ceci est le côté le plus dramatique de l’histoire; qui saisit l’œil de l’historien et l’intérêt du lecteur. Will Durant. 2006. Fondation Will Durant.

Il y a beaucoup d’histoires comme il y a beaucoup de légendes. Habituellement aller avec les goûts de l’écrivain-historien, les goûts des lecteurs ou des intérêts de puissance particulière ou plaire au groupe. Ce cas illustre D. Carrera.

Un des cas les plus sympathiques peuvent être l’histoire que j’ai appris à l’école et je pense encore aujourd’hui dans la presse. Il nous dit que la civilisation a commencé en Grèce, à Rome et a culminé en Europe. Le Top, Âge de pierre, l’âge du bronze et l’âge du fer colline et le serpent est, donc généralement continué.

Ou est-ce un dix huit civilisations antérieures, décrites par britanique Arnold Toynbee et le Oswald Spengler allemand n’existait pas. Cependant, depuis les travaux de Spengler Toynbee, W Durant, etc. apparaît, mais méfiez-vous de l’sugetividad de chaque historien du personnel et aller à des rendez-vous.

Et continue à jouer aujourd’hui, des documentaires, audio-visuel et pas sur d’autres continents. Même dans les universités, mais ils sont qui ont changé par une autre légende du pouvoir en place … Curiosités de l’histoire

L’histoire est des sociétés et des populations, comme notre biographie à notre Ethos. Il peut être des significations importantes. From motivent la société et même méprisent leurs valeurs. Il est non négligeable. Veillez à ce que vous avez aussi votre histoire.
J ANTONIO RIVAS M © -USA. 15/08/2016.

J’Accuse del 12/08/2016 sul diritto di satira – Hamid Misk scrittore

J’Accuse del 12/08/2016 sul diritto di satira

Tanti anni fa, parlando con un mio connazionale, dall’umile cultura e formazione , egli mi disse facendo il raffronto tra la situazione in cui versava il nostro e quella dove ci si trovavamo, e ci troviamo tuttora: io vivo in paese libero. L’Italia, amici, è un paese libero. Questa affermazione denotava una grande sensibilità e intelligenza di quel mio amico, nonostante non abbia frequentato né l’università né come si suol dire oggi “le scuole di partito”. La libertà ha un valore assoluto e non può in nessun caso essere delimitabile o scambiabile con qualche altro esercizio. L’unico limite, però, il quale può essere posto alla nostra libertà è quello di non offendere o limitare la libertà degli altri. Tuttavia la stessa interpretazione di questo vincolo di non nuocere alla libertà degli altri potrebbe a sua volta essere strumentalizzata o interpretata in modo da raggirare lo stesso concetto di libertà. E allora, rischiamo sempre di attentare alla libertà degli altri accusandoli di aver offeso la nostra libertà di agire, di intraprendere, di pensare o di designare delle vignette. Ed è proprio ciò che è accaduto in questo paese da oltre sessant’anni di democrazia. L’ultima vicenda della vignetta di Riccardo Mannelli pubblicata dal Fatto Quotidiano, diretto da Marco Travaglio, sulla ministra Boschi, ci fa di nuovo ripiombare nel clima delle accuse e delle contro-accuse su come si può usare la libertà di satira e di critica. Personalmente, ho visto la Vignetta di Mannelli. La trovo assai bella e intelligente. Non manca assolutamente di rispetto alla ministra Boschi. Un’altra volta si riconferma la mia teoria della Commedia dell’Arte del Partito democratico: non c’è un limite alla decenza e al vittimismo politico. L’Italia non ha bisogno di polemiche futili ed inutili strumentalizzatili in nome della tutela delle donne e della lotta sacrosanta al femmicidio. Le donne in questo paese, a mio modesto avviso, sanno di vivere in un paese libero, esattamente come il mio connazionale. Il problema vero è che vi sono dei germi che si contrappongono all’esercizio di questa libertà. In gergo politico, si possono qualificare come quelle oscure forze che si rigenerano nel tempo e sono sempre pronte a rovesciare le situazioni e a farci ripiombare nella dittatura. Già la dittatura! E parlando di riforme, sostengo che l’attuale designo di riforma costituzionale è un “passaggio indietro” verso una democrazia meno bilanciata. Sarebbe esagerato chiamarla dittatura. Ma il raffronto non è inverosimile. Se le premesse sono queste insite in questa vicenda di Mannelli, allora è il caso di temere ciò che ci stanno proponendo. Noi, però, in nome di quella sacrosanta santa idea di libertà, rimaniamo dell’idea che occorra a questo paese un sistema ponderato fatto di pesi e di contrappesi e soprattutto di una legge elettorale che dia al popolo italiano la facoltà di scegliere i suoi rappresentati e delle maggioranze sicure che rispecchiano la volontà popolare. Concludiamo con ciò che ha detto Dario Fo, il premio Nobel italiano sulla vignetta del Mannelli: è una vignetta bellissima. Aggiungeremo ricordando ai commedianti : viviamo ancora in un paese libero. Non attentate alla libertà di pensiero e di satira in questo paese.

Sospesi nel Barlume ch’illuminerà – Valtero Curzi

A volte si prova uno stato d’animo indefinito, che non è né malinconia né gioia e nemmeno apatia. E’ una condizione emozionale che sta sospesa nei pensieri, nell’animo, nella sensazione del proprio viversi del “qui e ora”. E’ arcano sentire. Poi la magia di una musica, una particolare musica mai ascoltata prima, tramuta quello stato d’animo in versi, i quali diventano a quel punto necessari, assolutamente necessari per definire quello stato d’animo. E dopo, tutto ritorna nella normalità di sensazioni e emozioni consuete , anche contrastanti. Ma mai come quello stato neutro ma assoluto in sé.

Sospesi nel Barlume ch’illuminerà

Accompagno calmo la memoria
bussando alla sua porta
ma non apre, è addormentata
come consumata nei segni
sciolti i nodi, rotti i patti,
distrutte le scorie.
Rinasceremo all’eterna stasi
che c’attraversa
quando è così lieve e neutro
il sentirci dolcemente sospesi ?
Arde il Barlume ch’illuminerà.

STRANE COINCIDENZE… Carla Sale Musio

 

Grazie ai meccanismi della proiezione e della rimozione la nostra consapevolezza conserva soltanto i ricordi che la psiche è in grado di tollerare, mentre tutto ciò che appesantisce la coscienza viene spostato al di fuori di noi o confinato nell’inconscio.

L’inconscio è per definizione: la zona franca del mondo interiore, il luogo in cui sono archiviate tutte le memorie, senza distinzione di bene o di male.

Per non sovraccaricare la mente, infatti, la maggior parte delle informazioni spariscono in una sorta di ripostiglio dove, per tutelare l’equilibrio psichico, anche gli eventi importanti o traumatici possono essere abbandonati all’oblio.

La specie umana ha un grande bisogno di approvazione e di appartenenza e, per ottenere il riconoscimento del branco, il cucciolo d’uomo usa soprattutto l’imitazione, riproducendo i comportamenti agiti dalle persone che stima ed evitando quelli che provocano derisione o disprezzo.

Si forma così, dentro di noi, un’immagine ideale cui costantemente cerchiamo di assomigliare, mentre tutto ciò che non le corrisponde è nascosto e dimenticato nell’inconscio.

Per raggiungere questo risultato, tutti i Sé non conformi a quel modello vengono fatti sparire e detenuti in luoghi della coscienza privi di ricordi e di memoria.

È grazie a questi automatismi psicologici che il pool dei Sé Primari, al governo della personalità, può costringerci a impersonare sulla scena della vita uno schema di perfezione senza sbavature, evitando che quei Sé che abbiamo giudicato negativi intervengano a rivendicare il loro diritto all’esistenza.

Ma l’energia dei Sé rinnegati, continua ad agire sotto la soglia della consapevolezza, attirando in forma mascherata gli avvenimenti che li rappresentano nel mondo esteriore.

Le chiamiamo: coincidenze, sincronicità, fatalità, casualità, destino, disgrazie o colpi di fortuna, ma non possiamo negare a noi stessi la sintonia che esiste tra ciò che ci succede e i pensieri che si agitano nel nostro mondo interiore.

m

STORIE DI COINCIDENZE E DI SÉ RINNEGATI

m

Carlo ha trentacinque anni e lavora come commesso in un supermercato.

Il suo stipendio non è altissimo ma, fino ad oggi, gli ha consentito di vivere in un appartamentino tutto per sé e di pagare le spese senza dover ricorrere all’aiuto di nessuno.

Per lui l’autonomia è un valore assoluto e non potrebbe rinunciarci per niente al mondo.

Durante l’infanzia un padre esageratamente severo ha umiliato tante volte i suoi tentativi di farcela da solo, alimentando il desiderio d’indipendenza fino al punto che, pur di non essere costretto a chiedergli niente, Carlo ha abbandonato gli studi e i progetti che aveva, mettendosi a lavorare per potersi mantenere da solo.

Da qualche tempo, però, si scopre a fantasticare su un’auto nuova, più agile e scattante della sua vecchia Panda, ormai piena di acciacchi.

Lo stipendio non gli consente troppe frivolezze e il giovane sa bene che cambiare macchina significherebbe aggiungere un’altra rata mensile al suo budget di spese già molto in difficoltà.

Perciò censura i sogni, che il suo Sé Responsabile giudica impossibili, impedendosi di desiderare un’auto migliore.

“La mia macchina va benissimo e, per l’età che ha, è proprio un gioiellino!”

Afferma soddisfatto quando gli amici gli indicano i graffi e le ammaccature che tappezzano la carrozzeria.

Ma un Sé Pilota Di Formula Uno, segregato da sempre in un angolo dell’inconscio, agisce nell’ombra il bisogno di una guida più sportiva, sprigionando segretamente la sua energia fino a quando un incidente imprevedibile costringe Carlo ad acquistare in tutta fretta un’altra auto, usata ma, finalmente, più prestante.

* * *

Francesco è un medico molto stimato perché ama il suo lavoro e lo svolge con grande passione.

Per lui il bene delle persone è un valore importante e dedica la maggior parte delle energie a trasformare le sofferenze dei suoi assistiti in una risorsa di cambiamento e, magari, di miglioramento.

Ultimamente ha intrapreso un percorso di formazione che lo costringe a viaggiare spesso, così, pur di non trascurare niente, finisce col recuperare il tempo speso negli stage privandosi dei giorni liberi.

L’impegno si fa sentire e Francesco vorrebbe fermarsi un poco, ma un Sé Professionale gli ricorda in continuazione la funzione (insostituibile!) che svolge con i pazienti, mentre un Critico Interiore lo riempie di sensi di colpa solo all’idea di concedersi una vacanza.

“Andrò in ferie più avanti, ora proprio non posso!”

Risponde sorridendo agli amici che gli fanno notare la fatica (e continuando a ignorare il suo bisogno di divertimento e di leggerezza).

Ma il suo Sé Irresponsabile e il suo Sé Inadeguato, insieme a un Sé Che Ama Godersi La Vita, tramano silenziosamente contro quell’eccesso di rettitudine, fino a che un inspiegabile dolore al ginocchio lo costringe a stare a letto per un mese… e a godersi le cure di quanti gli vogliono bene.

* * *

Giorgia ama gli animali e davanti alla loro sofferenza non si risparmia.

Ha salvato tanti passerotti caduti dal nido; un gabbiano che ancora non sapeva volare e i gattini senza mamma che qualche anima pia aveva abbandonato in una scatola, proprio davanti alla sua porta di casa.

Ha adottato i canarini che la signora di fronte lasciava nella gabbietta in giardino, esposti al vento, al sole e alla pioggia; le lumachine trovate in mezzo all’insalata e il cane paraplegico, vittima di un incidente, che oggi scorrazza felice con il suo carrellino.

Per lei la vita di chiunque è sempre un valore assoluto e s’impegna come può per aiutare i deboli e gli indifesi.

In questo modo, però, si complica l’esistenza e la sua casa è affollata di amici bisognosi di attenzioni e di cure.

A volte desidera uno spazio tutto per sé, dove sistemare il cavalletto e i colori e disegnare nei momenti liberi, ma poi si dice che in fondo la pittura non è così importante e che la gratitudine dei suoi protetti la ripaga dei sacrifici che deve affrontare per accudirli.

Un Sé Altruista e un Sé Generoso, gestiscono con successo la sua vita, tenendo incarcerato in una segreta dell’inconscio il suo Sé Egoista, l’unico che certamente sarebbe capace di pensare ai bisogni e ai desideri di Giorgia ma che, a loro dire, la renderebbe arida, insensibile e senza cuore.

Ed è proprio questo sé desaparecido a sprigionare una potente energia, distorta e distruttiva come la violenza con cui è stato estromesso dalla vita di Giorgia.

La distruzione, perciò, non tarda ad arrivare e un guasto all’impianto idrico costringe Giorgia a sgomberare proprio lo spazio che sarebbe stato necessario alle sue attività pittoriche, per fare posto agli attrezzi dell’idraulico e del muratore.

Carla Sale Musio

Reportage dal Salento di Goffredo Palmerini

A pagina 5 di Oggi7, inserto culturale della domenica del quotidiano America Oggi – il più diffuso giornale italiano negli Stati Uniti – , è pubblicato il mio articolo reportage dal Salento.

 

Jeffrey Veen – About Design

Far far away, behind the word mountains, far from the countries Vokalia and Consonantia, there live the blind texts. Separated they live in Bookmarksgrove right at the coast of the Semantics, a large language ocean. A small river named Duden flows by their place and supplies it with the necessary regelialia. It is a paradisematic country, in which roasted parts of sentences fly into your mouth. Even the all-powerful Pointing has no control about the blind texts it is an almost unorthographic life One day however a small line of blind text by the name of Lorem Ipsum decided to leave for the far World of Grammar.

[blockquote text=”Far far away, behind the word mountains, far from the countries Vokalia and Consonantia, there live the blind texts.” show_quote_icon=”yes”]

Far far away, behind the word mountains, far from the countries Vokalia and Consonantia, there live the blind texts. Separated they live in Bookmarksgrove right at the coast of the Semantics, a large language ocean. A small river named Duden flows by their place and supplies it with the necessary regelialia. It is a paradisematic country, in which roasted parts of sentences fly into your mouth. Even the all-powerful Pointing has no control about the blind texts it is an almost unorthographic life One day however a small line of blind text by the name of Lorem Ipsum decided to leave for the far World of Grammar. The Big Oxmox advised her not to do so, because there were thousands of bad Commas, wild Question Marks and devious Semikoli, but the Little Blind Text didn’t listen.