Articoli

E SCURRI LU CIUMI – Antonio Cattino

E SCURRI LU CIUMI.

poesia di Antonio Cattino in lingua poetica siciliana con traduzione in italiano.

Quannu vidu ‘u to visu
lu me ciatu si ferma
lu cori mi batti
e lestu firria
e si tu mi vardi
la russa mi pigghia
mi cadunu l’occhi
e sentu rintocchi
di tanti campani
‘ttaccati nte vini;

Ma jò non pozzu
o me cori,
chi taliariti sfilari
comu rigali e divina
visioni;

Scinnu da l’anciuli allura
‘n-terra sfatatu
e sulu …
ritornu ‘ntra mia
pinsusu
mentri lu mari
lu ciumi disia.

Antonio Cattino @ ogni diritto riservato secondo legge

E SCORRE IL FIUME.
Quando il tuo viso vedo
il mio respiro si ferma.
Il cuore mi pulsa
e gira veloce,
se tu mi guardi
divento rosso
e gli occhi
mi cascano,
sento rintocchi
di tante campane
legate alle mie vene;

Ma io non posso,
o mio cuore,
che osservati avanzare
quale regale e divina
visione;

Scendo dagli Angeli allora
in terra disilluso
e solo …
con me ritorno,
pensoso
mentre il fiume
desidera il mare.
Antonio Cattino

Eros e Luce – poesia di Antonio Cattino.

Eros e Luce – poesia di Antonio Cattino.

Avvolto da luce splendente
coi suoi sandali d’argento
Eros mi si presentò.
Prendi il mio mantello lucente
tessuto con nuvole iridescenti
indossalo,
riponi la daga
prendi il rosso melograno
spaccane la dura scorza
raccogline i semi
nel palmo,
mangiali
dissetatati
del tenero succo
odoroso
il pane della vita
vi troverai.
La luce indossai
come mantello lucente
il melograno spaccai
come labbra vogliose
alla mie labbra portai.
Il tuo sorriso
stagliato nel cielo
quale arcobaleno
gioioso
sognai.
antonio cattino

Dipinto di Pietro Mantilla